«No, Yaya. Io no.»

«Ai trafficanti poco importa se il confine sia aperto o chiuso. Il deserto è così. Quando si parte bisogna arrivare a destinazione. Non si può aspettare. Nemmeno tornare indietro. E quando parti se ti fermano puoi morire di fame. Non basta chiudere le frontiere. È questo che voi europei non capite. Tu hai mai sofferto la fame?». «No, Yaya. Io no.»
(…)
La stanchezza è troppa. Ci si addormenta a piccole dosi. Le mani aggrappate alle braccia dei vicini e viceversa. Tutti abbiamo il terrore di cadere sotto le ruote.
(brani tratti da “Bilal” di Fabrizio Gatti)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

ASPROMONTE SOUNDSCAPE

FIELD RECORDING CON YASUHIRO MORINAGA
sound designer / music director / composer

i suoni della tradizione e il paesaggio sonoro in ­Aspromonte

Locandina-Aspromonte-Soundscape Yasuhiro-MorinagaIl 16 febbraio parte il progetto “Aspromonte Soundscape” che affiancherà il lavoro dell’artista giapponese Yasuhiro Morinaga nei luoghi del ‘suono’ e nei paesaggi più caratteristici del nostro territorio, con l’ospitalità e la partecipazione di diversi operatori e associazioni culturali calabresi.
Yasuhiro Morinaga è un sound designer e compositore che lavora su tematiche che spaziano dal cinema, al teatro, alla danza contemporanea, fino alle installazioni. I suoi lavori sono stati presentati in alcuni tra i più importanti festivals in giro per il mondo (Cannes, Biennale di Venezia, Festival di Berlino e di Toronto) e sue installazioni e performances sono state ospitate presso il Centro Pompidou in Francia, il San Francisco Contemporary Museum, il Museum of Contemporary Canadian Art, lo Smithsonian Institute, il Museo di Storia Nazionale del Lussemburgo. Negli ultimi anni è stato impegnato nel campo della registrazione sonora nel sudest asiatico e in sud Italia. L’interesse di Morinaga per le realtà rurali ed urbane del nostro paese comincia con la partecipazione ad Interferenze New Arts Festival, prosegue con il lavoro svolto in Irpinia sulle tradizioni locali confluito nel progetto Irpinia Field Works e nei successivi Suoni dal Confine, Calitri temporary Orchestra.

In questo contesto, Aspromonte Soundscape si pone come un ulteriore progetto di promozione culturale e territoriale in cui arte, suono, foto e video diventano gli elementi per ri-disegnare e comunicare il territorio calabrese e il suo patrimonio culturale e naturalistico. Una tre giorni con azioni condivise di ricerca sui suoni tradizionali e il paesaggio sonoro in Aspromonte attraverso il lavoro sul campo di un artista internazionale in sinergia con artisti e ricercatori locali.

Il viaggio, con le sue prime tappe nella valle del Sant’Agata, valle dell’Amendolea, Costa Viola e Città di Reggio Calabria, sarà documentato tramite la realizzazione di Video art e Story telling fotografici a testimoniare una esperienza intensa dove ospitalità, globalità e località si incontrano intorno alla ricerca dei ‘Suoni in Aspromonte’.

ASPROMONTE
16/19 febbraio 2014


luoghi

VALLE DEL SANT’AGATA
Cardeto

VALLE DELL’AMENDOLEA
Gallicianò
Castello

REGGIO CALABRIA
Museo Nazionale della Magna Grecia

COSTA VIOLA
Scilla, Chianalea

rete

YASUHIRO MORINAGA
www.yasuhiromorinaga.com

LYRIKS
progetto SUONI IN ASPROMONTE
www.lyriks.it/suoni-in-aspromonte

RADICI DEL SUONO
www.radicidelsuono.it­

NONSENSE
www.nonsense.biz

ANV
www.associazionevideografi.com

CONSERVATORIO GRECANICO
www.ustegg.it

ASSOCIAZIONE ZAMPOGNARI DI CARDETO
www.zampognacardeto.altervista.org

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Concerto alla Memoria e al Valore Civile

Cittanova 20 febbraio 1943 / 20 febbraio 2014

Locandina-Concerto-Organo-20-febbraio Programma-Concerto-d'Organo-20-febbraio

Durante il secondo conflitto mondiale il paese subì, diversi bombardamenti anglo-americani che provocarono numerose vittime e la distruzione quasi totale delle abitazioni. La popolazione sopportò gli avvenimenti bellici con coraggiosa determinazione e generosa solidarietà, prodigandosi, nonostante i rischi delle ripetute incursioni aeree, nell’assistenza ai feriti. Chiaro esempio di spirito di sacrificio ed elette virtù civiche. 1943/1944 – Cittanova (RC)”.

Con questa motivazione il Presidente della Repubblica, in data 14.5.2010, ha conferito una medaglia al merito civile al Comune di Cittanova.


Programma

Ore: 10:30 – Chiesa San Rocco – Cittanova (RC)
S. Messa 
in suffragio delle vittime del bombardamento aereo del 20 febbraio 1943

Ore: 18:30 – Chiesa San Rocco – Cittanova (RC)
Concerto alla Memoria e al Valore civile
Cittanova 20 febbraio 1943 / 20 Febbraio 2014

Soprano CATERINA FRANCESE
Tenore FRANCESCO ANILE



Flauto ELISA SANTACROCE 
Clarinetti TONY CAPULA 
Organo GIUSY ALESSI


 

Per il lavoro di messa a punto dell’organo a canne e la dedicata professionalità si ringrazia l’organaro Giuseppe Curulla

Per la raccolta e la stesura dei testi delle testimonianze si ringrazia Carmela Calogero

Organizzazione Lyriks

Ufficio Stampa Maria Pia Tucci

Direzione artistica Nino Cannatà Girolamo Deraco

Ci rubarono il futuro, perché il maggior numero delle vittime erano bambini, intenti a gioire e a giocare per le strade. Erano divertiti, perché in città era arrivato il circo e proprio quel capannone fu scambiato per un obiettivo militare. Come non ricordare. Siamo figli di quelle macerie, dalle quali i nostri padri e i nostri nonni hanno saputo ricondurci alla speranza.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather