A ‘Ntinna

 

copertina-a-ntinna-n-cannata-1

 

A ‘NTINNA – la festa arborea di Martone 

film documentario  

 

Fotografia, suono e regia Nino Cannatà

Editing Progetti Digitali

Prodotto da Nino Cannatà

Produzione LYRIKS

con il patrocinio e il sostegno del Comune di Martone

con il patrocinio del Dipartimento di Storia, Culture, Religioni, Sapienza Università di Roma

con il sostegno di Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria Cofinanziato FEARS, Unione Europea

Edizione Squilibri 2016, collana ArchivioTradizioniMusicali/Calabria

 

 

Ogni anno a Martone, in provincia di Reggio Calabria, tra l’Aspromonte e le Serre, intorno alla seconda domenica di agosto, in occasione della festa patronale di san Giorgio, si ripete il rito della ‘Ntinna. 

La cima di un pino e il fusto di un faggio, prelevati dal vicino bosco, sono uniti insieme da legacci di castagno in un “matrimonio arboreo” dai caratteri simbolici e propiziatori. Addobbata con prodotti locali, a ‘Ntinna è poi issata nella piazza del paese per essere scalata come “albero della cuccagna” in una dimensione di festa alla quale partecipa l’intera comunità, allargata per l’occasione ai numerosi emigranti che appositamente fanno ritorno a casa.

Una festa arborea che, segnata da una pluralità di suoni, si configura come una vera e propria epifania di gesti e immagini nelle quali si manifesta appieno la tenace solidarietà degli abitanti per la migliore riuscita della tradizione più sentita in paese e tanto radicata nel loro animo da replicarla perfino inAustralia dove, nel mese di aprile, a Sydney si può assistere alla festa di sanGiorgio e al rito della ‘Ntinna. 

Con un taglio rigorosamente descrittivo e una spiccata impronta autoriale, il documentario di Cannatà ricostruisce le diverse fasi del rito, dal taglio dell’albero alla sua preparazione fino alla conquista dei doni posti alla sua sommità. 

Con saggi di Antonello Ricci e Pino Schirripa, un significativo corredo fotografico e, nel DVD, alcuni filmati amatoriali su edizioni più antiche della festa nonché le più recenti riprese della sua riproposizione a Sydney.

 

Anteprima nazionale: Università Mediterranea di Reggio Calabria. 22.11. 2016

 

 

Squilibri editore

Pagina Facebook

Recensione: Corriere della Calabria

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

MIGRANTS

prima assoluta

ROCCELLA JAZZ FESTIVAL
Jazzy Christmas 2014 

26 Dicembre ore 21:15
Auditorium Comunale, Roccella Jonica (RC)

.

“Cittadini del mondo”  Kant

MIGRANTS è uno spettacolo live, un cd e un network. Una ricerca racchiusa in un progetto multimediale dedicato a tutti coloro che hanno vissuto l’emigrazione. Un viaggio emozionale dove la memoria storica viene sollecitata dai documenti (foto, video, audio, testi) e dalla musica originale. Alle soglie del terzo millennio, il fenomeno sociale più impressionante è la migrazione di enormi masse o piccoli gruppi di uomini, donne e bambini che, come onde di una marea umana, si spostano in ogni parte del mondo. I “Migrants” sono oggi anche i tanti giovani, fra cui gli stessi autori, che si spostano in nuovi territori per realizzare i propri sogni. Diversi dai “Migrants” di ieri, ma con la stessa voglia di realizzarsi, di “liberarsi”, di far emergere le proprie idee e aspirazioni.

Nicola Sergio, pianista jazz che da diversi anni vive a Parigi e Nino Cannatà, regista e scenografo, elaborano un progetto che indaga e riflette sul tema del viaggio, dell’approdo, dell’accoglienza, della nuova vita trapiantata “altrove”, di coloro (tanti) che sono stati comunque capaci (con successo o senza) di compiere il “temerario gesto”, il salto evolutivo verso un mondo nuovo. Lo spettacolo mira a coinvolgere il pubblico in una riflessione sul tema (nelle sue cause, negli effetti, nella rivalsa dell’uomo). E’ pensato in forma modulare, capace di adattarsi a diverse location (teatri, sale concerti, auditorium, piazze) ed è rivolto sia al pubblico degli adulti che hanno vissuto direttamente o indirettamente l’esperienza dell’emigrazione, ma anche ai più giovani: è prevista la realizzazione di un’animazione specifica per illustrare il fenomeno migratorio con metodologie didattiche, stimolando riflessione e dialogo con gli studenti.

All’origine della partenza la povertà. Destinazione: la speranza di un mondo migliore.

 

.

Allestimento e regia

Sul palcoscenico spoglio, un pianoforte a coda si staglia davanti ad un fondale video che ricorda la grande vela di una nave. Nicola Sergio esegue la sua musica mentre memorabili immagini (storiche e contemporanee) scorrono sul fondale video a ricordare e raccontare il necessario viaggio della speranza che ancora oggi si protrae inesorabile. Un percorso drammaturgico che dalle origini arriva fino ai giorni nostri, scandito dalla voce narrante rappresentata di volta in volta da un testimone diretto, un migrante, un attore, ispirato da testi, documenti e foto d’epoca, vecchi filmati, oggetti, storie, lettere di corrispondenza, echi di voci lontane, vecchie canzoni popolari, preghiere, video pubblici e privati dell’ondata migratoria più recente ci suggeriscono la storia, i percorsi e le memorie di milioni di migranti. Parole chiave, testi, messaggi, statistiche, rese dinamiche dalla motion graphic, ricordano il tabellone delle partenze e completano il messaggio della video installazione. Musica, video e teatro coesistono in una suggestiva live session per restituirci, come in un contrappunto, un’esperienza sensoriale, un suggestivo e immaginifico viaggio poetico “migratorio” nel significato dell’accoglienza.

Gli autori invitano tutti i soggetti pubblici e privati (Autori, Istituzioni, Archivi, Musei, Associazioni) sensibili al tema universale dell’emigrazione, a partecipare attivamente alla sua realizzazione, sostenendo la produzione e mettendo a disposizione materiali e documenti d’archivio da impiegare nello sviluppo dello spettacolo al fine di rendere più efficace il suo importante e significativo messaggio.

.

Bozzetti-MIGRANTS-06 Bozzetti di scena

 

Musica originale

Le musiche, scritte da Nicola Sergio, sono ispirare a storie realmente accadute, a documenti scritti o filmati, a esperienze vissute in prima persona. Il tutto, trasfigurato attraverso l’estetica compositiva propria del pianista, capace di creare delle composizioni dal forte impatto emotivo, dando vita ad una narrazione musicale poetica e suggestiva. I temi risentono dell’influsso di numerose esperienze musicali assorbite dal compositore: musica classica, jazz, pop, musica tradizionale si intersecano creando un prodotto dalle tinte multiformi, ma con al centro “il suo eccezionale senso melodico che rende la sua musica immediatamente familiare” (Jean-Charles Richard , note di copertina cd “Illusions”). I titoli dei brani del progetto Migrants sono spesso suggeriti da emigrati col quale il compositore è sempre in stretto contatto e con i quali intrattiene dialoghi sull’esperienza vissuta: è il caso di “Nowhereland”, dove l’emigrante si ritrova insieme a molti altri su una nave per approdare in una nuova terra. Un luogo nuovo che spesso non lo accoglie, che conosce a malapena per averlo visto in tv o su una cartolina. Non è la terra su cui è nato e cresciuto, né la terra degli altri emigrati al suo fianco che vivono la stessa situazione di spaesamento. E’ la terra dove cercare di costruire un nuovo futuro e che per il momento non gli appartiene, è la “terra di nessuno”. “A bag full of dreams”, rievoca lo stato d’animo della prima generazione di emigrati italiani partiti per l’America in cerca di fortuna, senza mezzi economici, ma solo con una valigia piena di sogni. “Rain in my lunchbox”, narra la vita dell’operaio che, durante la pausa lavorativa, apre il proprio cesto per mangiare qualcosa, ma si accorge disperatamente che all’interno non c’è nulla, né pane, né altro …solo acqua piovana. Le musiche dello spettacolo fanno parte dell’omonimo cd “MIGRANTS”  prodotto da Nicola Sergio e dallo stesso registrato in piano solo.

.

Nowhereland

.

CREDITS

Un progetto di Nicola Sergio e Nino Cannatà

Musica e piano solo Nicola Sergio

Testi e voce recitante Mahmmoud Atiia

Allestimento e regia Nino Cannatà

un progetto a cura di Lyriks

Multimedia Progetti Digitali

Editing video Salvatore Insana, Giuseppe Tigani, Rocco Cartisano

Consulenza scientifica Documenti d’archivio Fondazione “Paolo Cresci” per la storia dell’emigrazione italiana Lucca


Con la collaborazione di: 

ONG Bambini nel deserto onlus

Guardia di Finanza comando generale

LIBERA associazioni nomi e numeri contro le mafie

Comune di Riace paese dell’Accoglienza

Polo Solidale per la Legalità Cittanova

Associazione Volontari Protezione Civile “A. Ursino” Roccella Jonica


Sponsor

EcoPiana Cittanova

Locandina-MIGRANTS-debutto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

6-7 AGOSTO 2014. STAGIONE LIRICA 2014 CITTÀ DI POLISTENA

Locandina-ItaliCa

Ritorna nella storica Piazza del Popolo di Polistena l’atteso appuntamento con la Lirica, in quella che oramai è divenuta una tradizione artistica e culturale appartenente alla nostra Cittadina. Nella serata del 6 agosto, vedremo anche quest’anno alternarsi sul palcoscenico i giovani più promettenti nel panorama lirico calabrese, talenti ai quali verrà data la possibilità di dimostrare la propria bravura, nell’augurio che in futuro possano calcare platee anche più prestigiose. Nella seconda serata, il 7 agosto, diamo lustro ai musicisti Calabresi noti e meno noti, con la convinzione che sia doveroso promuovere in prima persona il nostro patrimonio Culturale, dando finalmente il giusto risalto a compositori che meriterebbero ben altre vetrine, proprio perché non meno importati di altri magari più conosciuti. Abbiamo anche pensato di aprire a una sezione “Musica Contemporanea”, fortunati di annoverare nella nostra associazione uno tra i più importanti compositori del panorama internazionale: Girolamo Deraco, figlio della nostra terra, che quando può ritorna sempre alle origini, con composizioni ispirate e riecheggianti di calabresità nelle sue melodie. Il programma che abbiamo preparato per voi è insomma ricco e speciale, non mi resta dunque che augurarvi

Buon Ascolto,

Francesco Anile              

 

La Stagione Lirica è il nostro fiore all’occhiello, nonché il momento più importante dell’Estate Polistenese. Siamo orgogliosi di riuscire ogni anno a riunire nella splendida cornice della stessa storica piazza i nomi più importanti dell’Opera. Quest’anno abbiamo voluto sperimentare, dare vita, con ItaliCa, a un vero e proprio laboratorio artistico, nello spirito dell’Associazione Lyriks: la serata del 7 infatti è dedicata alla riscoperta delle nostre radici culturali e del ricco patrimonio artistico di cui la nostra terra può farsi vanto. Scegliere di affidare la direzione artistica a un maestro di fama internazionale come il maestro Francesco Anile è stato doveroso, in quanto, già protagonista delle edizioni passate, si fa quotidianamente testimone dell’eccellenza calabrese in Italia e nel Mondo, esportando insieme alla sua arte il nome della Città di Polistena che è orgogliosa di avergli dato i natali.

Come al solito, dunque, saranno due giorni ricchi di sorprese, ideati dai calabresi per i calabresi.

   Buon divertimento,

   Michele Tripodi, Sindaco di Polistena

 

Talenti all’Opera – ItaliCa

“La musica dei calabresi per i calabresi”, è questo il leitmotif della Stagione Lirica 2014 Citta di Polistena. Un appuntamento in due serate con l’Opera e i suoi grandi maestri divenuto ormai tradizionale e attesissimo, dedicato quest’anno alle eccellenze espresse dal nostro territorio nel corso della storia.

Polistena ha da tempo sviluppato una attenzione particolare verso il panorama lirico classico senza però mai dimenticare le maestranze contemporanee e i giovani talenti. Ecco perché, come ormai d’abitudine, il programma sarà articolato in due parti: “Talenti all’Opera”, una kermesse dedicata ai giovani a cui, per dirla con le parole del maestro Girolamo Deraco, tra i curatori del festival, “manca solo l’esperienza per essere annoverati tra i professionisti, potendo dimostrare sin d’ora una straordinaria bravura”. Accompagnati dal maestro Coniglio dell’Orchestra del Teatro Cilea, i giovani talenti delizieranno il pubblico con un programma di arie composte da alcuni dei più importanti compositori calabresi scritto dal famoso tenore polistenese Francesco Anile. La seconda parte vedrà invece una importante novità: “ItaliCa – La notte dell’Opera”, rassegna di partiture scritte da grandi compositori calabresi del passato recuperate dai cassetti della storia e interpretate da artisti del calibro di Anile, Caterina Francese, Maria Elena Romanazzi e Francesco Palmieri, accompagnati dall’Orchestra del Teatro Cilea di Reggio Calabria diretta dal maestro Mauro Fabbri, con la partecipazione del clarinetto solista Tony Capula.

È ancora il maestro Deraco a raccontarci le peculiarità di ItaliCa: “Questa terra, prima di chiamarsi Calabria, era abitata dagli Italioti e portava proprio il nome di Italia. Napoli era la grande capitale del sud e il teatro San Carlo, come la Scala di Milano in tempi moderni, vantava le caratteristiche di centro di gravità per l’Opera e la musica lirica. Con ItaliCa, l’Italia Calabrese, abbiamo pensato di recuperare le partiture di quei maestri e di quelle eccellenze che il nostro territorio ha espresso nel corso della storia ma che poi non ha avuto la forza di far emergere al livello di popolarità di ben antri nomi italiani. Parliamo di Cilea, Manfroce, Cipollini, Florimo, Falvetti, Giacomoantonio e Miceli, la cui musica non aveva nulla da invidiare ai Puccini o ai Verdi ma che per motivazioni che possiamo solo immaginare sono finiti nel dimenticatoio della storia. Ecco, Lyriks ha compiuto un lavoro di ricerca minuzioso e lunghissimi, riportando alla luce le arie poco frequentate e, in alcuni casi, sconosciute, di questi maestri, e ha chiamato alcuni degli artisti contemporanei più validi per interpretarle”.

Ma non solo Storia. ItaliCa è dedicata anche ai compositori contemporanei e vanta la partecipazione di Domenico Giannetta e dello stesso Deraco, il cui adagio lirico per tenore, clarinetto ed orchestra “Gran Morgeto” sarà eseguito in prima assoluta durante la serata del 7 agosto. Altro regalo del Maestro Deraco alla città di Polistena, l’opera “Taci”, vincitrice del “Bartók Plusz” di Miskolc in Ungheria e di ben due record: opera più breve della storia, con gli 8 secondi che la compongono,  e più eseguita nella stessa occasione (ben 17 esecuzioni nella stessa serata).

La Stagione Lirica 2014, un progetto del Comune di Polistena, promosso in collaborazione con la Provincia di Reggio Calabria e l’Autorità Portuale di Gioia Tauro, è curata dall’associazione culturale Lyriks. La direzione artistica è affidata al tenore di fama internazionale Francesco Anile, polistenese doc e protagonista delle edizioni precedenti, mentre l’allestimento è firmato dal regista scenografo Nino Cannatà e prodotto da Progetti Digitali.

.

Comune di Polistena
STAGIONE LIRICA 2014
direzione artistica Francesco Anile

6 agosto, ore 21:3o
Talenti all’Opera

Ines Epifanio soprano
Angela Romeo soprano
Marily Santoro soprano
Clarissa Leonardi mezzosoprano
Francesca Soriano mezzosoprano
Marcello Cento baritono
Rocco Lia basso

pianoforte Sergio Coniglio

 

7 agosto, ore 21:3o
ItaliCa
la notte dell’Opera

Caterina Francese soprano
Maria Elena Romanazzi soprano
Francesco Anile tenore
Francesco Palmieri basso

Orchestra del Teatro F. Cilea di Reggio Calabria
con la partecipazione del clarinetto solista Tony Capula
direttore Mauro Fabbri

un progetto del Comune di Polistena
a cura di Lyriks

allestimento Nino Cannatà, multimedia Progetti Digitali, presenta Salvatore Tigani
presenta Salvatore Tigani

Piazza del Popolo, Polistena
6 – 7 agosto ore 21:30

 

loghi

5 agosto 2014, Polistena

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Giardini Musicali – Le vie della musica

Nicola Sergio piano solo

 

Giardini Musicali ritorna a Cittanova il 4 agosto 2014 alle 18:00 con il concerto al piano solo del compositore e jazzista Nicola Sergio.

Inserito nella rassegna estiva “Le vie della musica”, organizzata dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Cosentino, Giardini Musicali 2014 torna a trasformare i giardini della Villa Comunale di Cittanova in un teatro naturale. A due anni dalla prima edizione caratterizzata dall’operazione artistica site specific “CECE’,Flash-move per solista, quartetto e orchestra di clarinetti”, dedicata alla memoria del musicista Vincenzo Furfaro con in scena artisti del calibro di Fabrizio Meloni, primo clarinetto della Scala di Milano, e del tenore Francesco Anile, oltre che da un ensemble di oltre 100 clarinetti provenienti da ogni parte del mondo.

All’interno di un suggestivo allestimento curato fin nei minimi dettagli dagli artisti di Lyriks, quest’anno toccherà a Nicola Sergio condurre il pubblico lungo un viaggio affascinante fatto di emozioni, suggestioni e impressioni poetiche, un percorso di sogno e insieme una ricognizione intorno ai temi dei suoi album “Symbols”ed “Illusions”. Musica jazz, classica e pop coesistono nella poetica di Nicola Sergio, che ne rielabora continuamente il senso e il linguaggio per restituire all’ascoltatore una sorprendente varietà di atmosfere. Tecnica eccellente, stile ricco e coerente, una passione per le sonorità mediterranee e il folclore, il pianista calabrese trapiantato a Parigi riesce a comunicare con le sue melodie un’intensità emozionale tale da lasciare gli ascoltatori con il fiato sospeso dall’inizio alla fine di ogni suo concerto. Un autore raffinato, i cui album sembrano diari di viaggio, resoconti di peregrinazioni in solitaria fra l’Europa, l’Africa e l’Oriente.

Il concerto anticiperà il debutto, in prima assoluta il 21 agosto presso il Roccella Jazz Festival, del progetto multimediale Migrants, una produzione originale Lyriks che nasce dalla sinergia di artisti e professionisti calabresi e che proprio in questi giorni è entrato nella fase di allestimento presso il Polo della Legalità di Cittanova. Musiche originali composte da Nicola Sergio, regia e allestimento di Nino Cannatà, testi e voce narrante di Fabrizio Gatti, Migrants è una ricerca racchiusa in un progetto multimediale dedicato a tutti coloro che hanno vissuto l’emigrazione. Un viaggio emozionale dove la memoria storica viene sollecitata da documenti storici e dalla musica originale di Nicola Sergio, raccolta nel suo prossimo album.

Il concerto sarà trasmesso in diretta streaming sul sito dell’Edicola Di Pinuccio a partire dalle 22.00.

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Stagione Lirica 2014 Città di Polistena

Banner-ItaliCa

Stiamo lavorando alla nuova Stagione Lirica 2014 della Città di Polistena. Due appuntamenti all’insegna dell’Opera e nel nome dei grandi musicisti calabresi di oggi e di ieri. Nella giornata del 6 agosto, nella suggestiva Piazza del Popolo di Polistena, si alterneranno in un galà lirico di arie famose i giovani “Talenti all’Opera”, accompagnati al pianoforte dal maestro Sergio Coniglio. La sera del 7 agosto è invece la volta di “ItaliCa – la notte dell’Opera”, rassegna di arie firmate da grandi autori del passato e del presente, tra inediti e prime assolute, interpretate da un cast d’eccezione: i soprani Caterina Francese e Maria Elena Romanazzi, il tenore Francesco Anile, il basso Francesco Palmieri e il clarinettista solista Tony Capula, accompagnati dall’Orchestra del Teatro “Francesco Cilea” di Reggio Calabria e diretti dal maestro Mauro Fabbri.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

DITTICO SACRO opera video teatrale

Banner Dittico Sacro_Lucca

    VIDI ARCANA DEI
Minimodramma sacro su Santa Caterina da Siena per soprano recitante e grancassa
dalla biografia del Beato Raimondo da Capua suo confessore

    STABAT MATER (prima assoluta)
Minimodramma sacro per soprano recitante e video

 

musica: Girolamo Deraco
libretti: Debora Pioli

soprano: Maria Elena Romanazzi
grancassa: Matteo Cammisa
allestimento, video e regia: Nino Cannatà

multimedia: Progetti Digitali, sound design: Alberto Gatti, luci: Fabio Coianiz, elementi di scena: Gianni Lucchesi, organizzazione: Flavia Cavallo

un progetto a cura di: Lyriks
su commissione di: Soprintendenza BAPSAE di Lucca e Massa Carrara
in collaborazione con: Comune di Lucca


Anteprima nazionale
09 luglio 2014  ore 21:00 e 22:30  Chiesa di Santa Caterina, Lucca

 in occasione dell’inaugurazione della Chiesa restituita alla città dopo il restauro.

 

 

bozzetto tre

 

bozzetto due

Bozzetti di scena

 

 

 

 

 

Locandina-Dittico-Sacro-Lucca_Lyriks

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Giornata Internazionale del Jazz

indetta dall’UNESCO

Polistena 30 Aprile 2014

Ore 11,00 Aula Magna ITIS – Seminario con gli studenti
Motivi per amare il jazz: un incontro con VINCENZO FUGALDI, giornalista del mensile Musica Jazz

Ore 18,00 Esibizione per le vie della città della
MARCHIN’ JAZZ BAND

Ore 21,00 Parco Villa Italia
MARCO ZURZOLO New 4tet
MARCO ZURZOLO sax • DANIELE GREGOLIN chitarra
DIEGO IMPARATO basso • GIANLUCA BRUGNANO batteria

“La musica ha dimostrato attraverso le varie epoche di essere un potente strumento di comunicazione. Il Jazz è una forma di musica, nata all’inizio del ’900, dall’incontro tra la cultura africana e quella europea, propagatasi inizialmente nel sud degli Stati Uniti per poi diffondersi in tutto il mondo, prendendo il meglio dalle varie nazioni e arricchendosi attraverso la fusione delle diverse culture. Oggi è una forma d’arte internazionale che parla tante lingue, è un mezzo di comunicazione che trascende le differenze di razza, religione, etnia o nazionalità.
Basandosi sull’improvvisazione e sulla personale interpretazione, è sinonimo di libertà. Appartiene al mondo ed è un formidabile strumento di dialogo interculturale, di unificazione e di coesistenza pacifica. È per questo motivo che l’UNESCO ha deciso di celebrare il 30 aprile di ogni anno la “GIORNATA INTERNAZIONALE DEL JAZZ” in tutto il mondo”.

 

 

Manifesto Giornata Int. Jazz Polistena 2014 Lyriks

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailfacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather