Locandina spettacolo - Città fantastica - il lungo canto di Lorenzo Calogero

 

il lungo canto di Lorenzo Calogero


opera video-teatrale di Nino Cannatà

con un adattamento dei testi di Lorenzo Calogero

con Roberto Herlitzka
e la partecipazione di Lydia Mancinelli

in collaborazione con Carlo Emilio Lerici

musiche di Girolamo Deraco

soprano Serena Salotti
esegue Opus ensemble
Eleonora Savini (violino)

Catherine Bruni (violoncello)
Valeria Marzocchi (flauto)
Diego Capocchi (clarinetto)
Matteo Cammisa (percussioni)

direttore Alessandro Cadario

allestimento, video e regia Nino Cannatà

 

voci off
IL POETA Fabrizio Bordignon
LEONARDO SINISGALLI Adriano Evangelisti
FRANCESCO CALOGERO Luca Montecchio
CARLO BETOCCHI Paolo Paparella
LA MADRE Monica Belardinelli
GRAZIELLA Manuela Rorro
RODOLFO Francesco Anile
CARLO Giuliano Castagna
GIULIO EINAUDI Antonio Fulfaro

assistente regia Andrea Civinini
contributi video Salvatore Insana
comunicazione e multimedia Progetti Digitali
sviluppo grafico Stefania Pizzichi
addetto stampa Marzia Matalone

produzione Gruppo Sperimentale Villanuccia
in collaborazione con Teatro Belli di Roma
con il sostegno della Regione Calabria Ass.to alla Cultura
Comune di Melicuccà


TEATRO BELLI, Roma
dal 16 al 20 Novembre 2011, ore 21:00

 

 

Note di regia

Lo spettatore è ospite di un luogo immaginifico, da visitare attraverso l’arte poetica di Lorenzo Calogero, un viaggio esplorativo nel fitto bosco dei versi, alla ricerca della Città fantastica, metafora mitica del labirinto, luogo misterioso, arcano, un’architettura dai percorsi molteplici, di fenditure che si affacciano su vedute sorprendenti, di echi. É lo spettacolo dello svelamento, degli innumerevoli orizzonti che la parola poetica cela in sé divenendo il cuore di un “ulteriore processo generativo” che si sdoppia e prolifera perché mostri le sue originarie dimensioni: il suono e l’immagine. I versi di Calogero abitano il teatro, il «teatro strano» della mente, dove le parole sono presenze vive e immateriali, risvegliano il gesto, la danza, il canto, la musica, le visioni.

Le sei poesie eponime scandiscono l’evoluzione dell’originale sistema poetico calogeriano, fino alla piena maturità dei quaderni di Villa Nuccia. Traccia di quel canzoniere amoroso si manifesta nella voce dell’attore, solitario in scena, mentre la figura femminile è voce che muta in canto lirico sulla partitura originale suggerita da un abbozzo di note, scoperto in uno dei quaderni manoscritti del poeta. Una fitta trama di voci off ricordano la vicenda umana del poeta, con brani tratti dall’epistolario, dalla biografia, dalle testimonianze di Giuseppe Tedeschi, dalle storiche “Opere poetiche” di Roberto Lerici. Nell’opera video teatrale, il linguaggio multimediale è contrappunto di risonanze,  riflessioni, mirabili suggestioni all’arabesco poetico di Lorenzo Calogero.
La messa in scena tenta di svelare, attraverso le stesse immagini che il fiume di versi custodisce, quel sogno che il poeta medita nell’intero arco della sua vita: un «soliloquio altissimo» che si articola come un poema, proprio perché la frammentarietà dei suoi versi, nell’insieme, risulta univoca come un lungo canto.

«Resteranno ancora parecchie cose che io non conosco e forse non conoscerò mai? E pure quello che ho appreso è veramente tanto, per cui il titolo che avevo pensato per un mio libro di poesie e che, dentro i miei limiti e le mie capacità poetiche, avrebbe dovuto essere quello di Città fantastica intendendo con tale titolo di designare la possibilità di una capacità espressiva che avesse quasi del fantastico, essendo intercomunicante in tutti i punti di essa, (…) pensavo anche quasi ad una città del tutto notturna, dove ogni punto di essa fosse in relazione e comunicante con tutti gli altri.»

Lorenzo Calogero, dalla lettera-saggio del 1960 a Vittorio Sereni

 

www.lorenzocalogero.it/spettacolo/

 

 

“PROGETTO CALOGERO”
www.lorenzocalogero.it